martedì 12 aprile 2011


Last cigarette 4
Vorrei essere un sempreverde semprefelice, Leà. Sono stanco di piangermi addosso. Plin, plin, plin. Finirò per affogare nelle mie stesse lacrime. Disegnami una mezzaluna sulla faccia e portami a spasso. Andiamo dagli uomini allegri, va. Ottanta passi dal confine del mio regno di tenebre e siamo arrivati. Lungo la strada, fermiamoci al D.C. Market. Lì, ho capito di amarti: "Carrello senza birra, uomo innamorato". Scienza di Dudy Pumpiks, l'uomo dei Muppets in ceramica: una sentenza per un Kermit in porcellana. Penso: tu cosa vorresti per amarmi ancora? Se serve, ti incarto il mondo in confezione regalo. Carta placcata e fiocco amaranto. Leà, brucio dalla voglia di farti una sola domanda: tu cosa vorresti per amarmi ancora? Per favore, rispondimi. Pensiero-margherita: Leà miama, nonmiama, miama, nonmiama, miama, nonmiama. Sbuccia un nonotiscordardime e torna a casa, tesoro. Quando arrivi, suona il campanello trecentottancinque volte, metà di quelle in cui mi sei mancata. Poi, vieni sul letto e comincia a leccarmi le ferite. Io sono qui. Aspetto il tuo ritorno, spiego a me stesso che non tornerai e fumo la mia ultima sigaretta.

Non mi chiamo Zeno, questa non è  la mia ultima sigaretta.


19 commenti:

  1. Una evoluzione, brava anzi bravissima, scrittura originale, non stucchevole. Questo mi è piaciuto in maniera particolare. Ottimo.
    Malinconico, straccione e poeta, un bel personaggio.

    RispondiElimina
  2. è tempo di guarire le ferite...

    RispondiElimina
  3. Le ferite possono cicatrizzarsi ma mai guarire.

    Non ti chiedo di scrivere più spesso perché immagino avrai gli affari tuoi, basta che non smetti.

    RispondiElimina
  4. @ Il discepolo: Ma grazie! Riesci ad inquadrare il mio personaggio meglio di quanto faccia io...

    RispondiElimina
  5. @ Luigi: Riuscirci è più difficile del previsto, alle volte.

    RispondiElimina
  6. @ Sassicaia: Eh, già! Purtroppo.
    Non smetto, figurati! Scrivere più spesso è difficile, ma dovrei farlo...
    Ma non lo farò...
    Ma dovrei farlo...
    Un po' come tutto.

    RispondiElimina
  7. Cosa vorresti? Bella domanda in quel pacchetto regalo.
    E ognuno può usare la carta che vuole.
    Si respira forte.

    RispondiElimina
  8. La verità...non ci ho capito nulla, ma forse sarebbe stato peggio capirci qualcosa alla prima volta che ti leggo no?

    RispondiElimina
  9. Se avessi finito le parole con cui commentarti come la mettiamo? ;)
    Eccezionale serie di post quella sulle ultime sigarette. Tu non sei Zeno, questa non è la tua ultima sigaretta, ma un nuovo capolavoro.

    RispondiElimina
  10. Brava, ci hai stile. Fa' un bel racconto di qualche cartella, son curioso.

    [scusa lo spam, leggiti questo se vuoi - http://tinyurl.com/3r7zpqx - grazie a prescindere. ]

    RispondiElimina
  11. Tempo fa notai il tuo commento sul mio blog :-) Finalmente eccomi qui... beh... complimenti :-)

    E.

    RispondiElimina
  12. Complimenti davvero.
    Mi piace il tuo modo di scrivere.
    Saluti.

    RispondiElimina
  13. ciao sono passato per caso per questo blog e la prima cosa che mi ha colpito è che hai tagliato the last cigarette forse perchè come me sai che non sarà l'ultima.
    comunque pure io scrivo se ti va di dare una sbirciata tra le mie tenebre il link è: diariodiunvisionario.blogspot.com

    saluti

    RispondiElimina
  14. Avevi detto che non avresti smesso.
    Meno male che non t'ho creduto.
    Saluti.

    RispondiElimina
  15. MARVELOUS images !

    Have a super week.

    RispondiElimina
  16. emanuele secco tempo fa notò un commento sul suo blog ed ora eccolo qua.

    RispondiElimina